Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 7 marzo 2011

ho tinto lo scialletto !

ne avevo scritto qui,
questo il risultato.



Grazie a un commento  mi si era accesa una lampadina in testa e così ho sperimentato una maniera di tingere un po' selvaggia ma efficace.
Ho pensato che tutto quello che macchia in fondo tinge e ho applicato questa regola con il nescafè scaduto e destinato al compost.
Ho usato la pentola dell'arrosto, quella ovale grande piena di acqua del rubinetto, l'ho scaldata e ho aggiunto 5 bustine di nescafè (che non era più polvere marrone ma una roba appiccicosa!grigio-asfalto), ho mescolato bene girando con il mestolo di legno, spento il fuoco e affogato lo scialle.
Ho fatto in modo che si bagnasse bene e l'ho lasciato a mollo per 3 ore scarse.
Non ero tranquillissima, non lo avevo mai fatto e mi aspettavo anche qualcosa di brutto, una mappazza infeltrita o un colore a chiazze… e invece dopo averlo sciacquato a lungo con l'acqua fredda è venuto fuori un colore assolutamente bello, unico, e la morbidezza della seta e del mohair intatta.
A quel punto visto che avevo ancora 5 bustine le ho aggiunte alla brodaglia residua assieme ad acqua, scaldato e cucinato le altre 6 matassine di seta. Tutto perfetto, forse era il mio giorno fortunato…
Come vegana non comprerei mai seta, questa però mia mamma l'aveva da circa 30 anni, quindi mi sono autoassolta dal bachicidio per scadenza del crimine e poi anche perchè il colore era veramente assurdo, mi ricordava i capelli di Lucia Bosè o forse era il mago Zurlì ?


3 commenti:

  1. ...traigo
    sangre
    de
    la
    tarde
    herida
    en
    la
    mano
    y
    una
    vela
    de
    mi
    corazón
    para
    invitarte
    y
    darte
    este
    alma
    que
    viene
    para
    compartir
    contigo
    tu
    bello
    blog
    con
    un
    ramillete
    de
    oro
    y
    claveles
    dentro...


    desde mis
    HORAS ROTAS
    Y AULA DE PAZ


    COMPARTIENDO ILUSION
    STERALLOSSA

    CON saludos de la luna al
    reflejarse en el mar de la
    poesía...




    ESPERO SEAN DE VUESTRO AGRADO EL POST POETIZADO DE CHAPLIN MONOCULO NOMBRE DE LA ROSA, ALBATROS GLADIATOR, ACEBO CUMBRES BORRASCOSAS, ENEMIGO A LAS PUERTAS, CACHORRO, FANTASMA DE LA OPERA, BLADE RUUNER ,CHOCOLATE Y CREPUSCULO 1 Y2.

    José
    Ramón...

    RispondiElimina
  2. Accidenti, tutta una poesia per uno scialletto al nescafè avariato?Wow...

    RispondiElimina
  3. Notare - da vegana - l'utilizzo creativo (anzi ri-creativo) della pentola dell'arrosto.

    RispondiElimina

Nel caso lasciate la vostra opinione,fate in modo che io possa pensarvi con un nome,magari non quello vero se proprio non volete essere riconosciuti in mezzo a miliardi di persone,pensarvi come anonimi è brutto,mette tristezza