Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 4 marzo 2011

VORREI UN SILENZIO ASSORDANTE

Per tutta la giornata sono stata "strana", ho letto qualcosa degli avvenimenti quotidiani che son sempre i soliti, e ho realizzato che mi sto avvelenando le giornate e che mi sono rotta le palle di farlo; però non è una resa la mia, è l'elaborazione di un meccanismo di difesa, vorrei vivere senza tradire le mie idee ma non farmi fottere la vita da una massa di………… quel che si vuole nell'ambito fognario, a scelta, non si sbaglia.
Io non voglio più parlare dei miei nemici, mi sono resa conto che faccio il loro gioco. Voglio fare la carbonara, voglio essere impenetrabile, voglio che gli stronzi non si sentano gratificati dalla mia indignazione e dalla mia attenzione, voglio ignorarli. Una caccola come silvioberlusconi non vale i miei sentimenti, le mie giornate. voglio che si senta ignorato. Per lui, che dichiara tronfio di avere il 51 per cento di innamorati, e il resto che lo detesta, e lo dice con gusto… molti nemici molto onore e altre palle del tipo, sarà uno smacco non da poco.
Voglio che la bomba gli scoppi sotto al culo a sorpresa.
Certo che è divertente leggere satira, i generatori di Met, le vignette, le canzoni irridenti di youtube, noi ridiamo e lui ci gode, si sente importante...
La carbonara voglio fare.
Hai capito insignificante ometto? Tu la mia vita non la vali, sei troppo stupido per vivere alle mie spalle, alle nostre spalle. Voglio che il mio silenzio ti assordi.



5 commenti:

  1. ...And whispered in the sounds of silence...
    è una sinestesia bellissima quella che hai usato!

    RispondiElimina
  2. Io sono per una via di mezzo: parliamone, ma senza starci male. La cacca non va interiorizzata. Va espulsa.

    RispondiElimina
  3. @ Zio : ci sono momenti così, senza ragionevolezza,ma incazzarsi di brutto è essenziale, poi si torna a ragionare,poi.

    @Sleeper: ti amo.

    RispondiElimina
  4. @ Sleeper : ma no,ti prego continua con le parole...

    RispondiElimina

Nel caso lasciate la vostra opinione,fate in modo che io possa pensarvi con un nome,magari non quello vero se proprio non volete essere riconosciuti in mezzo a miliardi di persone,pensarvi come anonimi è brutto,mette tristezza