Si è verificato un errore nel gadget

domenica 6 marzo 2011

SE NON ORA, QUANDO?

Quando i morti saranno talmente tanti che si parlerà di genocidio, oh, solo nelle alte sfere, deve essere un genocidio certificato, sennò non vale.
Mi è arrivata l'ingenua domanda di Veltroni come un pugno nello stomaco: "perché nessuno scende in piazza per il popolo libico?" Già, perché? Me lo domando anche io, che so che molti anni fa si è protestato per il Vietnam, per il Cile. E adesso? Tutti zitti e buoni che tanto tra 6 mesi ci sarà una tenda, ragazze da indottrinare e mani da baciare ancora una volta, come nulla fosse, ci scommetto.
Perché stiamo tutti a guardare?



1 commento:

  1. Aggiungo che: non amo Veltroni,e sono d'accordo con le motivazioni dei tanti che stanno spiegando il perché del non intervento emotivo, tuttavia non si tratta di manifestare contro la Guerra , o le guerre,quel che sta succedendo in Libia non è guerra, è eccidio,genocidio io non riesco a provare indifferenza,anche se "abbiamo già tanti guai noi qui".

    RispondiElimina

Nel caso lasciate la vostra opinione,fate in modo che io possa pensarvi con un nome,magari non quello vero se proprio non volete essere riconosciuti in mezzo a miliardi di persone,pensarvi come anonimi è brutto,mette tristezza