Si è verificato un errore nel gadget

domenica 27 giugno 2010

LA BELLA E LA BESTIA















Quella di sinistra è Zazie, chiamata così in onore di Raymond Queneau e del suo romanzo Zazie nel metro (1959) e in onore di Louis Malle e del film che ne ha tratto nel 1960. Zazie sta con me da 6 anni e non so quasi nulla della sua vita precedente, se non che non deve essere stata molto felice. Viene da un canile-lager di Rieti tristemente famoso e l'ho conosciuta grazie all'impegno di due volontarie che hanno fatto circolare su internet la sua foto e quelle di altri cani. Credo che abbia avuto dei piccoli che le devono essere stati tolti perché le sono rimasti i capezzoli lunghi come se allattasse; da una radiografia fatta, le ultime tre vertebre della schiena risultano saldate tra loro, probabilmente a seguito di una frattura da percosse (ha paura delle scope e di qualsiasi bastone). Questo però le dà un'andatura ancheggiante come quella di Marilyn Monroe nel film Niagara (1953) di Henry Hathaway, cosa che fa impazzire i cani maschi che la incontrano e verso i quali, se sono dei bei ragazzi, si dimostra molto intraprendente, anche se, essendo stata sterilizzata, il tutto rimane su un livello di gioco, con qualche frustrazione per i pretendenti. Zazie piace molto anche alla gente e ai bambini, che però non piacciono a lei e ai quali ringhia e mostra i denti se si mostrano troppo invadenti. Sta con me in libreria dove all'inizio ha provato a rosicchiare un paio di libri, propendendo poi definitivamente per la cultura orale. La sua specializzazione è l'abbaiare risentito verso i clienti che si permettono di entrare dopo l'orario di chiusura. Le sono cordialmente antipatici anche quelli che fanno jogging, skateboard e che vanno in bicicletta sui marciapiedi, come pure le persone alte, specialmente se vestite di nero e con il cappello. Con me è estremamente affettuosa e protettiva, molto gelosa e preoccupata che non sia a portata di fiuto: quando esco dalla doccia con il mio odore naturale modificato dal bagnoschiuma ci vuole sempre un buon quarto d'ora di coccole e sfregamenti rituali per ristabilire i legami.
Quando mi chiedono di che razza sia in genere rispondo "canina"; se chi me lo chiede ha l'aria spocchiosa invece sparo un "australian cattledog", bovaro australiano, al quale in effetti assomiglia abbastanza: se ne vede un esemplare nel film Australia (2008) di Baz Luhrmann. In realtà credo si tratti di un incrocio tra un Labrador e un lupoide: tecnicamente è quindi un bastardo, è nata così.
Quello della foto in alto a destra, invece, si è fatto da solo.

( La battuta è tratta dal bellissimo film I professionisti (The Professionals) (1966) di Richard Brooks)

1 commento:

  1. su Zazie che dire se non che è fantastica e bellissima,ricordo bene
    il suo arrivo,pioveva e lei aveva fatto un viaggio allucinante dentro a un bagagliaio,come collare un pezzo di corda.Il ciccione invece mi provoca l'orticaria,mi ripugna.Se si è fatto da solo ( e lo spero per i suoi genitori)
    ha sicuramente usato terra scadente,cemento povero,fanghiglia.E un pezzo di carne con gli occhi..
    Zazie ti aspettano tutti qui..

    RispondiElimina

Nel caso lasciate la vostra opinione,fate in modo che io possa pensarvi con un nome,magari non quello vero se proprio non volete essere riconosciuti in mezzo a miliardi di persone,pensarvi come anonimi è brutto,mette tristezza