Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 24 novembre 2010

Ten Stitch Blanket molto langarola



Questa estate stavo facendo le prove per uno scialle che mi piaceva perchè sembrava una sciarpa, era QUESTO, ed ero lì tranquilla a fare il solito mini sciallino campione che poi lo mette un orso dei miei, ed ecco che Nora viene su a portarmi fagiolini e pomodori. Nora ha 82 anni e ha sempre voglia di "fare due parole", quindi guarda i miei gomitoli e mi di dice: "cosa vuoi fare?"; io glielo spiego, lei guarda il disegno e senza esitazione mi dice: "ah, guarda un po' che quel tondo lo devi fare con i cugni".
I cugni? Capisco che intende i ferri accorciati (evito wrap and turn…) e la lascio fare.
In quattro mosse mi fa vedere come fare, in due parole mi spiega che quella roba lei l'ha sempre usata per fare le calze, per fare le gonnelline per le sue bimbe, per fare le copertine e le sciarpe, perchè con quel sistema se la lana era scarsa "si regolava meglio", per recuperare centrini dal bordo consumato...Se ci fosse stata la rete quando Nora faceva tutto ciò sarebbe diventata famosa, ma lei non scriveva nulla, forse qualche piccolo calcolo su pezzetti di carta...
Ero contentissima, avere una maestra tutta per me…mi avrebbe aiutata a fare lo snow flake e io avrei ricambiato con un mare di "due parole".
Poi è morto Micio Rocco, e io non ho più avuto voglia di nulla per lungo tempo, non avessi avuto un ospite da accudire con affetto non avrei nemmeno cucinato, ho messo via ferri e lane e aspettato che passasse.
Adesso, che sto un pochino meglio riprendo a fare le solite cose, anche il tricottaggio (con buona pace della mamma), e mi sono ricordata della copertina, "che la fai grande fin quando hai lana e sempre con poche maglie sul ferro". Le ho telefonato, mi ha spiegato, ho cercato in rete.. ed eccola la copertina, trovata su Raverly.
Mi fa impazzire che dall'altra parte del mondo un'altra donna più acculturata, più fortunata, Elisabeth Zimmermann, ne facesse una uguale e la descrivesse in un libro,.
Questa che faccio però, per me è e resta la copertina di Nora, facilissima, divertente nell'esecuzione, di grande soddisfazione .
Appena ho tempo la spiego, non stanotte che sono stanchissima.

Questa vignetta la metto, è troppo carina.

2 commenti:

  1. Confermo che sono stato accudito con affetto: grazie ancora, Fizzi. E' una bella storia, questa di Nora, e ben raccontata.

    RispondiElimina
  2. è sempre un piacere l'accudirti…

    Riguardo alla maglia,che dire di mia suocera,90 anni,che da ragazza faceva i Top down con i circolari n° 2 e mezzo? Un pò questa cosa delle risorse perdute mi fa rabbia,e son sempre le donne a essere poco considerate.

    RispondiElimina

Nel caso lasciate la vostra opinione,fate in modo che io possa pensarvi con un nome,magari non quello vero se proprio non volete essere riconosciuti in mezzo a miliardi di persone,pensarvi come anonimi è brutto,mette tristezza